Codacons: la dipendenza dal gioco ha un giro da 7 miliardi annui

codaconsDura presa di posizione del Codacons in materia di ludopatia e gioco d’azzardo. L’associazione dei consumatori assieme a Scuoladottauncomune da sempre si è mostrata in prima linea contro il settore del gioco e ha annunciato battaglia qualora il Governo decidesse di limitare il potere dei sindaci nella lotta alla ludopatia.

A prendere la parola è stato Carlo Rienzi, Presidente del Codacons, il quale ha dichiarato che il gioco d’azzardo e le annesse forme di dipendenza provocano costi sociali a carico di tutta la collettività di ben 7 miliardi di euro annui.

LUDOPATIA: COS’E’ – Ma cos’è la ludopatia e perché secondo il Codacons costerebbe così tanto alla società?

La ludopatia è un disturbo del comportamento, più precisamente uno dei disturbi del controllo degli impulsi e delle dipendenze comportamentali. Un giocatore d’azzardo patologico così come un tossicodipendente mostra con il passare del tempo una crescente dipendenza nei confronti delle slot machine con tutti i malefici che ne conseguono, in primis la perdita economica. I sintomi della ludopatia sono vari: essere totalmente assorbiti dal gioco, bisogno di giocare elevate somme di denaro per raggiungere uno stato di eccitazione, insuccesso nei tentativi di ridurre il gioco d’azzardo, alto tasso di irrequietezza, ansia, depressione, menzogne ai propri familiari, possibilità di compiere azioni illegali come falsificazione, frode, appropriazione indebita o furto per finanziare il gioco d’azzardo.

LUDOPATIA: EVOLUZIONE E COSTI – Con la nascita del gioco d’azzardo online la figura del giocatore patologico ha subito un’evoluzione e la mancanza di freni connessa allo stato di solitudine in casa ha reso la sua situazione particolarmente pericolosa.

E i costi? Si avrebbero perché in Italia vengono spesi dei fondi per la cura al gioco d’azzardo patologico, soprattutto negli anni recenti. In alcune regioni in particolare i SerT (dicitura che sta a significare Servizi per le dipendenze patologiche) delle ASL hanno istituto dei team specializzati in gioco d’azzardo patologico con tanto di medici, infermieri, psicologi, assistenti sociali ed educatori.

Obiettivo del Codacons è quindi, sempre secondo il proprio Presidente, quello di bloccare la nascita di nuove sale da gioco e di evitare che le competenze in materia vengano centralizzate togliendo di fatto poteri ai sindaci e alle amministrazioni locali. Secondo Rienzi un provvedimento di questo tipo sarebbe non in linea con quanto dettato dalla costituzione italiana e pertanto soggetto ad impugnazione.

Itinerari formativi – scopriamo Malta

maltaMalta è un’isola al centro del Mediterraneo, a poco più di 80 chilometri a sud della Sicilia e a 333 chilometri dalla Libia. Molti ne hanno sentito parlare, ma pochi hanno una chiara idea di che tipo di isola sia e delle sue attività. Ex colonia inglese, indipendente dal 1964 e repubblica dal 1974, Malta ha una forte influenza culturale italiana, tant’è che oltre il 66% della popolazione parla fluentemente la nostra lingua.

Grazie ad una politica economica volta ad agevolare attività e compagnie estere, nell’ultimo decennio molte compagnie operanti online, soprattutto di scommesse online e slot machine, si sono trasferite sull’isola. Ad oggi è stimato che il settore del gioco online a Malta impieghi oltre 5000 persone provenienti da tutta Europa ma non solo. Un altro settore di punta dell’isola sono le scuole di inglese. Grazie ad un’offerta competitiva e ad un clima mite, le scuole di inglese attirano centinaia di migliaia di studenti da tutto il mondo.

Scuoladottauncomune offre dei percorsi formativi per corsi di inglese aperti a tutti i cittadini e finanziati parzialmente dalla comunità europea. La presenza della nostra associazione non si limita solamente all’istruzione della lingua inglese. Annualmente organizziamo con la collaborazione di associazioni ambientali locali, delle giornate dedicate all’ambiente e alla valorizzazione del territorio. Ci sono molte attività, dalla semplice ma importante raccolta dei rifiuti e pulizia delle spiagge, alla sensibilizzazione dei cittadini attraverso stand informativi.

Un problema molto attuale che riguarda l’ambiente ma generalmente sottovalutato è quello della caccia non controllata. La caccia a Malta è uno sport molto diffuso e riguarda soprattutto i volatili. Essendo Malta una zona di passaggio di flussi migratori in autunno e in primavera, la caccia non controllata comporta un alto rischio ambientale e mette in serio pericolo le specie di uccelli protette in via di estinzione.

Scuoladottauncomune si impegna dunque anche in campo internazionale per la salvaguardia dell’ambiente e la sensibilizzazione dei cittadini, in fondo siamo tutti ospiti dello stesso pianeta!